FANDOM


Albus Percival Wulfric Brian Silente, di solito chiamato Albus Silente o, nell'originale inglese, Albus Dumbledore, è un personaggio della saga di romanzi di Harry Potter, scritta e ideata da J. K. Rowling.

Preside della Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts e presidente del tribunale supremo dei maghi Wizengamot, incarna molti dei valori e dei tratti tipici del classico "mago buono" ed è stato paragonato a Gandalf e ad alcune rappresentazioni del mago Merlino. Saggio, eccentrico e ironico, è in assoluto uno dei personaggi più amati di tutta la serie. Dai suoi sostenitori è ritenuto il mago più potente del mondo per la sua intelligenza e per la sua grande conoscenza della magia.
Dumbledore

Uccidilo col fuoco!

StoriaModifica

Famiglia e AdolescenzaModifica

Silente viene presentato nel romanzo Harry Potter e la pietra filosofale quando è già molto anziano: i dettagli sulla sua infanzia e adolescenza vengono rivelati soltanto nel settimo libro, Harry Potter e i Doni della Morte. Nato il 26 agosto del 1881, figlio di Kendra e Percival Silente, Albus aveva un fratello dotato di poteri magici, Aberforth Silente, futuro proprietario del pub Testa di Porco a Hogsmeade, ed una sorella, Ariana, con problemi psicologici causati dall'aggressione in giovane età da parte di tre Babbani. Suo padre, cercando vendetta, attaccò i tre, e per questo venne rinchiuso ad Azkaban. Non tentò di scagionarsi chiarendo i motivi della sua aggressione poiché temeva che, rivelando la situazione di Ariana, questa sarebbe stata considerata pericolosa e rinchiusa all'ospedale San Mungo per malattie e ferite magiche. Dopo l'arresto di Percival la famiglia Silente si trasferì dal piccolo paesino di Mould-on-the-Wold a Godric's Hollow dove, a causa dell'atteggiamento della madre, si ritrovò isolata dal resto della comunità. A Hogwarts, Albus fu smistato nella casa di Grifondoro. Le grandissime capacità magiche di Silente vengono scoperte già da giovane: la professoressa Marchbanks, infatti, afferma nel quinto libro di averlo esaminato in Incantesimi e in Trasfigurazione e ammette di "non aver mai visto nessun altro fare cose simili con una bacchetta". Kendra morì per mano di sua figlia, quando questa rimase preda di un attacco più forte del solito, in un momento in cui non vi era nessuno che potesse badarle. Qui, dopo la morte della madre, il giovane Albus fu costretto a rimanere a badare alla sorella col fratello Aberforth. Nel momento in cui Albus si sentiva ormai finito, costretto ad una vita in cui non avrebbe potuto ottenere ciò che meritava in quanto mago dalle grandi capacità, incontrò Gellert Grindelwald (futuro mago oscuro) con cui fraternizzò allo scopo di conquistare il potere sul mondo dei babbani, il cui destino sarebbe stato quello di essere assoggettati ai maghi. L'autrice ha ufficialmente reso noto, in seguito all'uscita dell'ultimo romanzo della serie, che in realtà Silente era innamorato di Grindelwald e che questo gli impedì fino all'ultimo di giudicarlo in maniera obiettiva per le sue aspirazioni malvagie. La morte della sorella, causata da uno scontro tra Albus, Aberforth e Grindelwald, tuttavia, portò ad un cambio di prospettiva in Albus e alla fuga da parte di Grindelwald; Aberforth, ritenendo il fratello responsabile della morte della sorella, durante il funerale lo aggredisce rompendogli il naso, evitando poi per lungo tempo ogni contatto con lui. Sarà proprio Silente a sconfiggere e catturare Grindelwald, divenuto ormai un mago oscuro. In seguito Silente torna a Hogwarts per insegnare Trasfigurazione ed è proprio in questo periodo della sua vita che incontrerà ed inizierà a tenere sott'occhio l'allora undicenne Tom Orvoloson Riddle (Tom Marvolo Riddle). Diverrà, infine, Preside di Hogwarts, succedendo ad Armando Dippet.

Capacità Magiche e RiconoscimentiModifica

Insignito dell'Ordine di Merlino di Prima Classe, Silente è famoso per aver lavorato insieme al suo collega Nicholas Flamel, creatore della Pietra Filosofale, per aver scoperto i dodici modi di usare il sangue di Drago, per la capacità di evocare il "Fuoco Gubraitiano" (un fuoco magico che non si spegne mai) e per aver sconfitto il mago oscuro Grindelwald (divenendo il proprietario della leggendaria Bacchetta di Sambuco, la bacchetta più potente mai creata). È lui ad aver creato il suo spegnino o Deluminatore con cui spegne le luci diverse volte, il suo spegnino inoltre viene dotato di un incantesimo che permetterà a Ron una volta che lo avrà ereditato di riuscire a ritrovare ovunque Harry ed Hermione. Nel suo testamento lascia ad Hermione la copia originale de "Le Fiabe di Beda il Bardo" disegnando sulla storia de "I Tre Fratelli" il simbolo dei Doni della Morte sperando che ne capissero il significato e fossero capaci di possederli. Lascia inoltre ad Harry un boccino, contenente la Pietra della Resurrezione, incantato da Silente stesso perché rilasci un indizio a contatto con le labbra di Harry e si apra solo quando si pronuncia la frase "Sto per morire", e la Spada di Godric Grifondoro. Nel quinto libro viene perfettamente mostrato come sappia creare una Passaporta praticamente con qualsiasi cosa. Sa rendersi invisibile grazie a un incantesimo di Disillusione potentissimo, infatti afferma che a lui non serve un Mantello per diventare invisibile, riuscendo persino a vedere una persona nascosta da un mantello potente come quello di Harry (la Rowling ha dichiarato che, negli episodi in cui succede, Silente usa l'incantesimo Homenum Revelio senza parlare). Universalmente è considerato il più grande mago dell'era moderna, tanto per la sua intelligenza quanto per la sua fibra morale. Da coloro che gli sono più vicini, come la McGranitt, viene considerato troppo nobile per abbassarsi al livello di Voldemort, ma non per questo meno spaventoso in virtù della sua strabiliante potenza magica. Il settore della Magia che padroneggia meglio è la Trasfigurazione, arte in cui certamente si dimostra superiore a Tom Riddle, che invece lo supera nelle conoscenza delle Arti Oscure. Muove la bacchetta con grande rapidità e riesce a produrre una forza magica tale da far rizzare i capelli, nel quinto libro riesce a mettere in seria difficoltà Lord Voldemort in uno scontro magico, nel sesto supera tutte le difese apportate da Voldemort stesso al fine di proteggere il suo medaglione Horcrux, percependo istintivamente la presenza della magia e la sua funzione, e rivelando di saper riconoscere quella di Voldemort grazie alla sua conoscenza della personalità del mago oscuro. La sua fama gli avrebbe permesso di diventare Ministro della Magia, carica che gli fu offerta più volte, ma ha rifiutato l'incarico sia perché ha preferito restare a Hogwarts come Preside, sia perché, come spiega a Harry, ha capito di non essere adatto al potere. È anche l'inventore di un nuovo metodo di comunicazione via Patronus, e il suo animale da compagnia è una fenice (Fanny), che usa come mezzo di guarigione, comunicazione e trasporto. Silente è un ottimo Legilimante e Occlumante; sa parlare il linguaggio delle Sirene (Maridese, Sirenesco o Marino a seconda della traduzione) e riesce a comprendere il Serpentese (la Rowling non spiega mai in che modo, e non è chiaro perché non sappia parlarlo, visto che ne riconosce e distingue i suoni). Inoltre, come si apprende dal sesto libro (Harry Potter e il principe mezzosangue) è perfettamente in grado di nuotare con un impeccabile stile a rana nonostante la sua mano fosse stata carbonizzata a causa della maledizione di Voldemort posta sull'anello dei Gaunt, che insieme era un Horcrux e un Dono della Morte, precisamente la Pietra della Resurrezione. Silente è anche il presidente del Wizengamot, ovvero il tribunale supremo dei Maghi. La sua sede si trova a Londra, presso il Ministero della Magia, allo stesso piano dell'Ufficio Misteri. Nel quinto libro viene radiato e gli viene tolta anche la presidenza della Confederazione Internazionale dei Maghi poiché ha diffuso la notizia del ritorno di Voldemort, ma alla fine gliene vengono restituiti i meriti. Silente afferma comunque che l'unico riconoscimento di cui veramente gli importi è la presenza nella raccolta di figurine delle Cioccorane tra i Maghi famosi. Come detto nell'ultimo libro da giovane Silente è stato inoltre insignito di vari premi: ha vinto la Medaglia d'Oro per il Contributo Innovativo alla Conferenza Alchemica Internazionale del Cairo, era Rappresentante Giovanile Britannico alla Conferenza Internazionale dei Maghi e Rappresentante Giovanile Britannico al Wizengamot, inoltre vinse il Premio Barnabus Finkley per Incantamenti Eccezionali.

HogwartsModifica

Silente incontra per la prima volta Tom Orvoloson (Marvolo) Riddle, il futuro Lord Voldemort, quando questi è ancora bambino, nell'orfanotrofio dove era vissuto fino ad allora. Silente si reca all'orfanotrofio per offrirgli un posto da studente a Hogwarts; riesce nell'intento, accorgendosi però immediatamente che quel bambino ha qualcosa di "strano" anche per un mago. Durante la permanenza di Tom ad Hogwarts, Silente lo tiene sott'occhio, e riesce anche a convincere l'allora Preside Armando Dippet a negargli la cattedra di Difesa contro le Arti Oscure che Tom aveva richiesto appena ricevuto il diploma. Silente, durante un incontro di lavoro con Sibilla Cooman, assiste per caso alla formulazione di una profezia, nella quale veniva predetta la caduta di Voldemort causata da un bambino. Severus Piton riesce ad origliare una parte di questa profezia, riferendola al suo signore, Voldemort. Quest'ultimo decise che la profezia riguardava Harry Potter, e quindi cercò invano di ucciderlo. In seguito all'ascesa di Lord Voldemort e al suo crescente potere, Silente fonda l'Ordine della fenice, per contrastarlo ed opporsi ai suoi seguaci, i Mangiamorte. Egli è inoltre il Custode Segreto della base operativa dell'Ordine, che si trova nella vecchia casa della famiglia Black (al numero 12 di Grimmauld Place) ed è custodita dall'elfo domestico Kreacher. Nel mondo magico corre la voce che Silente sia l'unico mago che Voldemort abbia mai temuto. Silente è anche l'unico mago (oltre a Harry) che ha il coraggio di chiamare Voldemort con il suo vero nome, Tom, come nel quinto libro nell'atrio del Ministero della Magia. Qui Silente parla e duella con Voldemort senza nessun timore, riuscendo ampiamente a tenergli testa. Silente fa l'importantissima scoperta degli Horcrux di Voldemort e ne distrugge uno, l'anello di Orvoloson Gaunt, nonno materno di Tom. Harry a sua volta ne aveva inconsapevolmente distrutto uno nel suo secondo anno a Hogwarts, il diario che aveva attirato Ginny nella Camera dei segreti. In seguito Silente comunica quest'informazione a Harry che andrà con lui a cercare e distruggere un altro Horcrux, il medaglione di Serpeverde. Alla fine del sesto libro Harry si accorge tuttavia che quello per cui lui e Silente hanno rischiato la vita non è un Horcrux. Era stato infatti già sostituito da un altro personaggio, Regulus Arcturus Black.

VecchiaiaModifica

Come nota Severus Piton, Silente invecchia sempre più rapidamente. Ciò è dovuto alla maledizione inflittagli dall' anello di Gaunt (Pietra della resurrezione), che, grazie all'aiuto di Piton, riesce a contenere nella sua mano destra. Dopo essere stato colpito da questa maledizione, presumibilmente nel giugno del 1996, a Silente non resta che un anno di vita.. Nel sesto libro della saga afferma che "i suoi riflessi non sono più quelli di una volta", anche se questa affermazione è una menzogna per ingannare Bellatrix Lestrange: infatti, sempre nel sesto libro, si può leggere a pag 51: " Silente estrasse la bacchetta così in fretta che Harry quasi non la vide". Alla fine dello stesso libro, ambientato nel 1996-1997, dopo aver attentamente valutato il piano della sua morte, si lascia uccidere da Severus Piton dietro ordine datogli in segreto da lui stesso. Tutto il mondo magico partecipa al funerale del grande mago. Perfino le creature magiche che abitano la Foresta Proibita e il lago nero si fermano a rendere omaggio alla tomba bianca di Silente, che si trova, secondo i suoi desideri, all'interno del perimetro della scuola che tanto amava. Addirittura la perfida Dolores Umbridge, che l'anno prima aveva accusato Silente di cospirazione contro il Ministero della Magia e strappato il ruolo di preside tra le tante altre cose, partecipa al funerale, anche se per mera formalità. Silente quindi muore alla veneranda età di 116 anni. Silente e Piton continuano nel loro piano anche dopo la morte del primo attraverso precise istruzioni date a Piton (neo-nominato preside di Hogwarts da Voldemort in persona) dal quadro dello stesso Silente nell'ufficio del preside proteggendo da lontano Harry Potter e aiutandolo a trovare il modo per sconfiggere definitivamente il Signore Oscuro. Nell'epilogo scopriamo che Harry ha chiamato il suo secondo figlio Albus Severus, in onore di Silente e di Piton, i due presidi che più di chiunque altro lo hanno aiutato a sconfiggere Voldemort.

CuriositàModifica

Silente ha molti punti in comune con altri personaggi di libri o film fantasy. I più importanti fra questi sono il mago Merlino delle leggende bretoni, lo stregone Gandalf del Signore degli Anelli, Obi-Wan Kenobi della saga Guerre stellari e il leone Aslan, delle Cronache di Narnia. C'è anche chi lo ha paragonato ad un personaggio storico: John Dee, studioso dell'occulto alla corte di Elisabetta I d'Inghilterra. Sebbene J.K. Rowling non abbia mai ammesso di aver tratto ispirazione da essi nella creazione di Silente, è evidente che questi abbia molto in comune con altri personaggi, soprattutto per quanto riguarda la sua funzione di mentore e protettore all'interno della struttura narrativa. Diversamente dagli altri però, Silente vive e si confronta con una dimensione molto più umana e vicina a quella del lettore. Sia che si parli di Gandalf che di Silente, a livello di caratteristiche fisiche e di ruolo all'interno della trama, il personaggio da cui entrambi sembrano aver origine è Merlino. Lo stesso Re Artù può essere considerato un antenato spirituale di Harry Potter: come Merlino nasconde il giovane Artù per proteggerlo dai nemici del padre Uther, così Silente nasconde Harry presso i Dursley per proteggerlo dai seguaci di Lord Voldemort.

Significato del NomeModifica

Nei libri della Rowling i nomi nascondono un significato (come del resto è usuale nelle favole), specie se si tratta di un personaggio fondamentale per la storia come Albus Silente (in originale Albus Dumbledore). Nel nome originale del preside di Hogwarts possiamo ritrovare significati profondamente legati alla tradizione britannica che, per un'autrice che ha avuto una formazione classica, non sono dovuti al caso. Segue l'analisi del nome nella sua versione originale Albus Percival Wulfric Brian Dumbledore:

  • Albus deriva dall'aggettivo latino che significa "bianco" e ricorda anche Albion un nome molto antico di tradizione arturiana per "Britannia".
  • Percival è colui il quale, fra i cavalieri di Re Artù impegnati nella ricerca del Santo Graal, riuscirà a trovare la preziosa coppa. Altri due personaggi della serie portano questo nome: Percy Weasley (fratello maggiore di Ron) e Percival Silente (padre di Albus, Abeforth e Ariana).
  • Wulfric può prestarsi ad una interessante speculazione linguistica che collegherebbe Silente con il poema britannico di Beowulf: Beowulf infatti ha il significato di "orso potente" (beo) e "lupo" (wulf), mentre il secondo nome di Silente può essere diviso in "lupo" e "potere, autorità-governo" (rule). In questa similitudine Silente è l'eroe Beowulf mentre Grindelwald è il nemico Grendel.
  • Brian è un nome da associare ai re nella tradizione celtica, in particolare irlandese: Brian Boru fu sovrano d'Irlanda nell'XI secolo.
  • Dumbledore è la parola in inglese antico per "bombo" (vedi sopra). Ma la parola ha un altro possibile significato che si riferisce ad una particolare foggia di cappello, in voga a Londra alla fine del XIX secolo. Se si considera questa possibilità il nome assumerebbe il significato di "bianco cappello" che in inglese è il termine usato per identificare l'eroe di una storia (derivato dal fatto che nei western americani, il cowboy buono portava sempre un cappello bianco) e non parrebbe affatto strano che l'autrice abbia chiamato il suo grande eroe del bene White Hat. In italiano si è scelto di tradurre il cognome in Silente in quanto filtra "l'aura di superiore saggezza" e ai traduttori "è sembrato più autorevole di tutte le variazioni possibili suggerite dall'originale". L'autrice, a proposito di questa traduzione, ha dichiarato: "La traduttrice si è basata sulla parola dumb nel cognome, che significa muto". In realtà, come fa notare la Rowling, dumbledore è una forma antica della parola bumblebee, che significa bombo (a volte impropriamente tradotto calabrone). "L'ho scelto perché avevo l'idea di questo mago [...] sempre in movimento. [...] Per me il nome Silente è una totale contraddizione. Ma il libro è molto popolare anche in Italia, il che significa che la cosa non disturba per niente gli italiani!".

Scheda TecnicaModifica

Nome Albus Percival Wulfric Brian Silente

Origine Harry Potter

Genere Maschio

Classificazione Umano, mago, professore, preside della scuola di stregoneria di Hogwarts

Età 116 alla morte

Poteri e Abilità Maestria nell'uso della magia, invisibilità, volo, magia di uccisione istantanea (supposto), manipolazione mentale, teletrasporto, trasmutazione, ha come animale da compagnia una fenice chiamata Fanny in grado di trasportare enormi pesi, immortale e con lacrime curative.

Debolezze Vecchiaia

Capacità Distruttiva Stradale+ (ma può ferire personaggi con durabilità molto maggiore)

Raggio d'Azione Alcune decine di metri

Velocità Umana, ma può teletrasportarsi ed è maggiore in volo. Reazioni considerevolmente alte in quanto riesce a combattere contro più maghi di alto livello alla volta.

Durabilità Umana

Forza di Sollevamento Umana

Forza Contundente Umana

Resistenza Alta

Equipaggiamento Standard La Bacchetta di Sambuco e Fanny, la sua fenice

Intelligenza Capisce chi gli sta mentendo, può superare in astuzia Lord Voldermort, ha condotto le vite di Harry e Severus per molti anni, è considerato da molti il più forte ed abile mago del mondo, conosce moltissimi incantesimi ed è soprattutto specializzato nella trasfigurazione. Conosce molte lingue.

Attacchi / Tecniche Particolari

- Magia Oscura: Viene detto che conosce la magia oscura, ma che abbia scelto di non usarla.

- Transfigurazione: Silente può cambiare un oggetto in un altro oggetto.

- Materializzazione: Silente può far apparire le cose dal nulla.

- Occlumanzia: Permette a Silente di proteggere la sua mente dagli assalti mentali.

- Legimanzia: Permette a Silente di vedere dentro la mente altrui per sapere cosa lui/lei sta pensando in quel momento.

- Smaterializzazione: Permette a Silente di teletrasportarsi istantaneamente ovunque voglia.


Vittorie all'interno della Virtual ArenaModifica

-

Sconfitte all'interno della Virtual ArenaModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale