FANDOM


StoriaModifica

PassatoModifica

Si sa poco della storia di Byakuya, tranne che il suo senpai fu Jūshirō Ukitake, e che spesso gareggiava nello Shunpo (passo veloce) con Yoruichi Shihōin. Byakuya sposò Hisana, una popolana del Rukongai,
Kuchiki Byakuya by Tru Colorz

Due spade son meglio di una... e mille spade?

accettandola nella famiglia Kuchiki e violando così le leggi della Seireitei. Hisana morì circa cinquant'anni prima della storia narrata in Bleach, e l'ultimo desiderio che espresse al marito fu quello di ritrovare la sua sorella minore, Rukia Kuchiki, abbandonata nel Rukongai quando non aveva alcun mezzo di sostentamento per la piccola. Gli fece inoltre promettere di non rivelare mai a Rukia la verità sulla sua famiglia, in quanto riteneva di non essere più degna di farsi chiamare sorella da lei. Un anno più tardi, Rukia entrò nell'accademia Shinigami e fu immediatamente accettata nel clan Kuchiki. Adottandola, Byakuya rispettò la promessa fatta alla moglie, tuttavia violò nuovamente le regole della sua famiglia. In seguito giurò sulla tomba dei suoi antenati che avrebbe sempre rispettato tutte le leggi ad ogni costo. Per questo motivo è estremamente combattuto sul da farsi quando Rukia viene condannata a morte: intervenire avrebbe significato violare il giuramento fatto ai suoi antenati, ma non farlo avrebbe rotto la promessa fatta ad Hisana di proteggere Rukia. Non si conosce il momento preciso in cui Byakuya ha assunto il ruolo di Capitano della 6ª Divisione, ma sicuramente senza dubbio poco prima dell'entrata di Rukia all'accademia Shinigami, più o meno nello stesso periodo in cui fu nominato Capitano Gin Ichimaru.

Saga della Soul SocietyModifica

Appare per la prima volta insieme al suo luogotenente, Renji Abarai, quando si reca nel mondo terreno per riportare Rukia alla Soul Society. Per poco non uccide Ichigo Kurosaki, che cercava di difenderla, per richiesta della ragazza gli risparmia la vita. Lo vediamo in diverse altre occasioni, durante un dialogo con Gin Ichimaru e Kenpachi Zaraki, o magari in occasione di un cambiamento di data della condanna di Rukia. Assume nuovamente un ruolo attivo quando ferma tempestivamente Ganju Shiba e Hanatarō Yamada, intenti a salvare Rukia dalla sua prigione, quasi uccidendo il primo tramite il rilascio della sua zanpakuto. In suo aiuto arrivano Yoruichi e Ichigo. La donna-gatto riesce a strappare una promessa al suo vecchio amico: entro tre giorni, Kurosaki sarebbe diventato forte a tal punto da sconfiggere il "Piccolo Byakuya". Si troverà dunque ad affrontrare il suo stesso luogotenente, Renji, che nel frattempo aveva deciso di schierarsi a favore di Rukia. Successivamente Ichigo riesce a salvare Rukia dal patibolo, ed ecco che ingaggia un'epica lotta contro Byakuya. Entrambi sfoderano i loro bankai, ma il capitano ha più esperienza in battaglia e riesce ad utilizzare una versione più potente del suo stesso bankai, riuscendo dunque per qualche momento a porsi in vantaggio. Inaspettatamente, l'Hollow che risiede in Ichigo prende il sopravvento, permettenogli di ridurre allo stremo delle forze il suo avversario. Una volta rinsavitosi, i due concludono lo scontro con un ultimo attacco portato con la spada, che vede infine la sconfitta di Kuchiki, o più che una vera sconfitta (visto che è meno ferito ed esausto di Ichigo) la sua rinuncia ad uccidere Rukia. Quando Sōsuke Aizen ordina a Gin Ichimaru di uccidere Rukia, Byakuya difende la ragazza, rompendo la promessa che aveva fatto a sua moglie, raccontando la verità sul suo agire alla ragazza e ringraziando Ichigo di avergli fatto capire cosa fosse veramente giusto fare.

Saga dei BountModifica

Durante la saga dei Bount Byakuya fornisce molte informazioni sui Bount al generale Yamamoto. Il capitano della sesta divisione aiuta Rukia nella sua battaglia contro Yoshi, per poi cercare di vendicarla affrontando Jin Kariya, ma l'intervento di Ichigo blocca i suoi piani e il Bount fugge. Aiuterà nuovamente Ichigo nella battaglia
Kuchiki byakuya

Ecco come lo vedono le (e talvolta i) fan...

finale contro il capo dei Bount, non intervenendo però in maniera decisiva.

Saga dell'Hueco MundoModifica

Quando Orihime viene rapita e portata nello Hueco Mundo, Byakuya insieme a Zaraki ha il compito di riportare la pattuglia Hitsugaya di nuovo alla Soul Society. Una volta lì però lascia liberi Rukia e Renji e fornisce anche loro dei mantelli per camuffarsi e proteggersi nella sabbia dello Hueco Mundo. "Io ho ricevuto soltanto l'ordine di riportarvi indietro. Non mi hanno dato alcuna istruzione su cosa fare dopo che siete tornati...Fate ciò che vi aggrada" Byakuya appare nuovamente insieme ai Capitani Kenpachi Zaraki, Retsu Unohana e Mayuri Kurotsuchi per dare manforte a Ichigo e compagni contro gli Espada. Byakuya si ritrova ad affrontare il settimo Espada Zommari Leroux difendendo sua sorella Rukia da un attacco del nemico. Inizia subito il confronto fra i due, che si ritengono a vicenda superiori all'altro. Byakuya dimostra di possedere più talento e arroganza dell'Espada, che decide quindi di rilasciare la sua Zanpakutō, grazie alla quale può prendere il controllo di tutto ciò che vede. Prende inizialmente il controllo del braccio e della gamba sinistra del Capitano che, recidendosi prontamente i tendini degli arti colpiti, ne impedisce il controllo da parte dell'avversario. Poi il nuovo bersaglio diventa Rukia, che attacca Hanataro, giunto fin lì per curarla. Byakuya immobilizza subito Rukia con il Bakudo numero 61, Rikujokoro e poi, affermando ancora una volta la sua totale superiorità, rilascia il suo Bankai e in un colpo solo sconfigge l'Espada. Zommari, in punto di morte, critica l'atteggiamento degli Shinigami che si comportano come degli dèi uccidendo gli Hollow solo per il gusto di farlo, ma Byakuya ribatte dicendo: "Non ti ho ucciso in veste di Shinigami, ma perché hai osato puntare la spada sul mio orgoglio", riferendosi, con un gioco di parole, alla "sorella" Rukia.

Saga della Falsa KarakuraModifica

In seguito, interviene in favore di Ichigo contro l'Espada Yammy Rialgo, insieme a Kenpachi Zaraki, e i due, malgrado i disaccordi, sconfiggono l'Espada.
Byakuya Kuchiki bankai contro un albero

...ed ecco com'è realmente.

CuriositàModifica

Nel "libro delle anime" di Bleach, il databook ufficiale della serie redatto da Tite Kubo, è presente uno schema che riassume tutte le sue caratteristiche:

Potere offensivo (攻撃力): 90

Potere difensivo (防御力): 80

Agilità (機動力): 90

Arti demoniache ・ Forza spirituale (鬼道・霊圧): 90

Intelligenza (知力): 90

Stamina (体力): 70

Totale: 510

In percentuale: 85%

Queste sue caratteristiche lo rendono il quarto capitano più potente dell'attuale Gotei 13, assieme a Kenpachi Zaraki, dopo Shunsui Kyōraku.

Scheda TecnicaModifica

Nome Kuchiki Byakuya

Origine Bleach

Genere Maschio

Classificazione Capitano del Gotei 13, Shinigami

Età Almeno 150 anni, forse più vecchio

Poteri e Abilità Super velocità, resistenza, durabilità, pseudo-volo, in grado di manipolare piccole lame, vari incantesimi Kido, esperto nel Zanjutsu (arte della spada), in grado di percepire gli esseri con del reiatsu

Debolezze Quando non controlla manualmente le piccole lame della sua spada, esse non si avvicinano mai a lui entro un diametro di circa 85 cm per evitare di ferire lo stesso Byakuya. Tuttavia col controllo manuale si può eliminare questa debolezza (correndo il grosso rischio di venire tagliati).

Capacità Distruttiva Almeno Grosso Edificio+, Blocchi di Città col Bankai

Raggio d'Azione Media mischia umana, diverse centinaia di metri con Senbonzakura e incantesimi Kido

Velocità Ipersonico

Durabilità Blocchi di Città

Forza Classe K

Resistenza Tanta

Equipaggiamento Standard La sua Zanpakutō, Senbonzakura

Intelligenza Combattente altamente percettivo, potendo quasi immediatamente determinare modelli di attacco di un avversario e di debolezza, è anche tattico furbo, come dimostrato da come effettivamente utilizza il suo Kido per confondere i suoi avversari, può discernere le motivazioni e le capacità dei suoi avversari ed efficace utilizzo le sue conoscenze per porre fine alla battaglia in suo favore

Attacchi / Tecniche Particolari

- Shunpo: Tecnica di supervelocità come Soru.

- Sutsusemi: Permette il movimento a velocità elevate, lasciando un'immagine residua tangibile, così come un capo di abbigliamento, come la sua giacca, dietro.

- Rikujōkōrō: Evoca sei sottili, raggi di luce che sbattono in tronco un bersaglio, lo immobilizzano completamente.

- Byakurai: L'utilizzatore spara un concentrato di potenti fulmini dalle dita.

- Senbonzakura: Questo è il nome della sua spada. Il suo comando di rilascio è "Disperditi". In Shikai, la lama Senbonzakura si divide in mille sottili, frammenti di lama piccola che poi volano via dal elsa lasciando solo maneggiare la spada in mano Byakuya, facendo oscillare elsa Senbonzakura, Byakuya è in grado di controllare i frammenti lama a volontà, che gli permette di distruggere gli avversari a a distanza.

- Bankai: Senbonzakura Kageyoshi: Semplicemente una versione più grande del Shikai.

  • Senkei: Le spade si materializzano nuovamente e si dispongono in file, formando una semi-cupola di lame d'energia. Byakuya può scagliare sul nemico diverse spade, bloccandolo al suolo, e potendolo così colpire indisturbato. Il Capitano della sesta divisione inoltre può anche usare tali spade per combattimento ravvicinato, oltre che scagliarle da considerevole distanza.
  • Gōkei: Tutte le miriadi di piccole lame si dispongono sfericamente attorno al nemico, non lasciando così nessuna apertura per fuggire, e lo avvolgono, uccidendolo. È la forma usata da Byakuya per uccidere l'Espada Zommari Leroux.
  • Shūkei: Con questa forma, le lame di Senbonzakura Kageyoshi si condensano in un'unica spada, incrementandone a dismisura il potere distruttivo. La lama sprigiona una potente luce e la sua aura prende la forma di un'armatura con grandi ali bianche sovrastata da una sorta di grande aureola, conferendogli così il nome di Hakuteiken (白帝剣? Spada del Bianco Imperatore). È questa la tecnica finale utilizzata contro Ichigo. È un'abilità straordinariamente potente e altrettanto bella a vedersi.

- Kidō: Letteralmente "patto demoniaco", è una forma di magia usata dagli Shinigami. Ne esistono fondamentalmente due tipi: Kido Offensivo (Hadou, letteralmente Via della Distruzione) e Kido Difensivo (Bakudou, letteralmente Via del Sigillo). Molti, soprattutto fra i luogotenenti del Gotei 13, sono maestri nell'utilizzo di questa tecnica spesso preferita all'uso della spada. L'apprendimento delle arti Kido è insegnato, in tutte le sue forme, specialmente nel Kidosho (Corpo del Kido).

  • Bakudō #61 - Rikujōkōrō: Invoca sei larghe lame di energia di colore giallo che immobilizzano il bersaglio disponendosi intorno ad esso parallelamente al terreno. L'effetto finale è simile ai raggi di una ruota.
  • Bakudō #81 - Dankū: Crea una barriera energetica sotto forma di muro rettangolare rosa. Byakuya Kuchiki specifica che essa può difendere da tutti gli Hado fino all'89.
  • Hadō #33 - Sōkatsui: Viene emessa una massa spirituale di colore blu e sparata contro il bersaglio. È una versione potenziata dell'Hadō #31.


Vittorie all'interno della Virtual ArenaModifica

Sconfitte all'interno della Virtual ArenaModifica

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Inoltre su FANDOM

Wiki casuale